Toddler body part flashcards,toddlers and tiaras mackenzie brat,potty training poop in diaper junction - Easy Way

22.10.2014
L’anno scorso Piccolo Furfante era un ELFO di Babbo Natale, un valido aiutante che preparava doni, dava da mangiare alle renne e canticchiva dalla sera alla mattina.
Ho risistemato il mantello che si era un po’ sgualcito, riattaccandogli le stelline e rifinendo i bordi. Ho poi comprato un paio di collant verdi e ho preso delle calzine antiscivolo verdi, bianche e rosse, con delle fragoline svolazzanti, a cui  ho attaccato dei campanellini.
Penso che l’idea  sia davvero stupenda e cosi, dato che leggero questa storia a Piccolo Furfante domenica prossima, mi e venuta  voglia di proporgliela nel modo suggeritoci da Francy: rendere cioe il racconto interattivo! Francy, dopo aver  letto la storia alla sua bimba, le ha messo a disposizione dei disegni da colorare legati al racconto che poi ha utilizzato per creare un libretto fai da te. Francy gentilmente mi ha mandato il suo lavoro via mail, ma dato che non potevamo utilizzare le immagini da lei scaricate (erano copyright!
Le schede di prescrittura sono una di quelle cose che spesso vengono richieste ad una pedagogista da parte di maestre, educatori e insegnanti di sostegno. Ho intrecciato la ghirlanda di finto- pino intorno all’anello di polistirolo stando attenta a non lasciare spazi vuoti. Ho infilato gli stuzzicadenti nelle candele (fate piano se no le candele si spezzano!) e le ho inserite senza fatica nel polistirolo.Gli stuzzicadenti non sono lunghi per evitare che la candela (e la corna) prenda fuoco mentre si consuma.
La corona nella tradizione religiosa e un simbolo che annuncia l’avvicinarsi del Natale, che invita a prepararsi ad esso e a pregare insieme, manifestando che Gesu e la vera luce che vince le tenebre.
Raccontarci storie a lume di candela mi e sempre piaciuto e penso sia un bel modo per  stare insieme in modo diverso. Ho chiesto cosi ad un nostro caro amico, che adoro per come scrive e racconta ( ma non solo ), un grosso favore: preparare 4 brevi racconti natalizi adatti ai bambini. Regalarsi bocce di Natale coinvolge naturalmente tutta la famiglia (nonni in primis) e le persone a noi piu care. Dall’anno scorso le bocce ai nonni sono rigorosamente fai da te o per meglio dire fatte da Piccolo Furfante. Un consiglio: la pasta di sale e  pesante, quindi e meglio evitare di fare bocce di grandi dimensioni!!! Dopo aver coperto ben bene il piano di lavoro, ho diviso in due la boccia e ho lasciato che Piccolo Furfante si divertisse a dipingere le due semisfere.
Dopo 2 ore il colore si e asciugato: ho lasciato la boccia semplicemente all’aria, in un ripiano alto per evitare che PF andasse continuamente a toccarla!!
Ieri poi eravamo lanciatissimi e cosi siamo andati avanti a fare esperimenti creando tante altre bocce decorative con il polistirolo, le pipette colorate… ma tutto questo materiale servira per un altro post. L’anno scorso abbiamo organizzato una festa di Halloween fantasmagorica a cui hanno partecipato tutte le amichette di Piccolo Furfante. Gia ad inizio ottobre avevamo incominciato ad addobbare la casa: la maggior parte delle decorazioni le abbiamo create noi.


Dopo tanto lavoro, la casa a fine ottobre era piena di  fantasmini, pipistrelli, ragnetti, mostriciattoli di ogni sorta e, naturalmente, zucche in gran quantita. Io e Piccolo Furfante, malgrado il lavoraccio, ci siamo divertiti parecchio e, non soddifatti, abbiamo anche preparato degli addobbi per nonni e zii!!
Dopo aver disegnato le sagome che ci interessavano su di un cartoncino rigido e averle ritagliate, le abbiamo dipinte con le tempere nere. Dato che la prima famiglia Zucconi aveva riscosso un notevole successo, avevo creato a computer delle altre zucche e degli altri occhi per realizzare tante nuove famiglie. Gli adesivi degli occhi mi sono stati poi utili anche durante la festa: li ho messi a disposizione dei bambini piu piccoli per decorare la loro piccola zucca (questa volta vera!) ornamentale. Entrambi libri sono utilissimi per chi, neofita, volesse entrare in questo meraviglioso mondo contadino. E intanto noi siamo occupati a raccogliere i cachi e le zucche (a lato il momento della semina) del nostro orto e ad osservare i progressi della nostra pianta di meloni, piantata in un vaso in balcone.
L’animaletto ci ha tenuto compagnia per tutta la giornata, ben fermo sul suo vassoio in attesa che asciugasse. Kiddley (con le istruzioni per creare un meraviglioso ricetto usando una pigna e le paste polimere. Il mantello non e altro che un quadrato di raso rosso a cui ho tagliato un ovale al centro per infilare la testa. Questa e la ragione per cui ne ho una buona scorta, adatte ad ogni occasione e ricorrenza, su vari temi e di varia difficolta. Ho bloccato la ghirlanda infilzando le bocce  nel polistirolo e ho fermato ben ben il tutto con un po’ di colla ed il fiocco verde.
La nascita la racconteremo il giorno di Natale e alla Befana ci diletteremo con il racconto del viaggio dei Magi. Cosi, senza nulla togliere al valore religioso della corona, ho pensato che essa potesse diventare anche una bella occasione per stare tutti insieme e leggersi delle  storie non necessariamente religiose ad alta voce.
Francesco, che e anche lui papa (di due meravigliose bimbe), non si e fatto pregare e ha scritto per voi (e per noi) 4 fantastiche storie sul Natale: una per ogni candela!
Avevamo fatto tante piccole palline colorate (grandi come un tappo di bottiglia) usando i colori alimentari, qualche brillantino ed infilandoci dentro un nastrino rosso per appenderle.
Avevo passato, quindi,  una mattina a verniciarle con una vernice trasparente per renderle lucide. Nel mio negozio fai da te di fiducia ho acquistato una boccia trasparente di plastica (quelle che si usano di solito per il decoupage) di medie dimensioni e che si apre a meta.
Inizialmente pensavo di scrivere qualche messaggio augurale (i tubetti  hanno un beccuccio sottile sottile pensato per questo uso), ma PF ha preferito spalmare i colori con le dita :-). Semplice: nonno Gianni per molto tempo (quasi 2 anni) e dovuto stare a dieta stretta a causa di un serissimo problema di salute.


La casa era piena di bambini urlanti (dai 6 mesi ai 4 anni), zucche vere, dolcetti vari, maschere a volonta, un mini pumpkin patch (leggete qui per saperne di piu) nell’orto e  una casa fantasma con tanto di versi mostruosi (che pero non ha spaventato nessuno!!
Al suo interno infilare un cordino di spago e fermarlo con un nodo, in modo che la parte esterna possa essere usata per appendere il fantasma. Una volta asciutte, abbiamo infilato con l’ago, un filo da cucito del colore della parete su cui dovevamo appenderle. Qui avevo trovato tante informazioni utili e tante esperienze, compresa quella letta nella rivista, che mi avevano davvero affascinata.
E’ una corona molto semplice, ma molto importante perche ci ricorda i primi momenti con il nostro pupetto.
Le bocce acquistate di anno in anno contengono i nostri ricordi, gli aneddoti, le esperienze, le gioie e le dissavventure trascorse. Avevo provato ad usare le formine di Natale (stella cometa, angioletto…) per dargli una forma piu simpatica, ma Piccolo Furfante aveva preferito fare le palline. Ho anche fatto incetta di colori con i brillantini: quei piccoli tubetti di colore con la colla dentro, tutti sbarluccicanti ( si trovano anche nei supermercati). Alla fine del lavoro era pieno di colore e brillantini (nemmeno Elvis ai suoi tempi d’oro ?? ), ma orgoglioso e felicissimo della sua boccia di Natale. Per rendere le immagini piu simpatiche ho recuperato degli adesivi di occhi, bocca e naso (li vendevano insime ad un giornalino per bambini) e li ho fatti incollare a Piccolo Furfante. Gli occhi dei fantasmini piu piccoli li ho dipinti con un pennarello nero, mentre per quelli piu grandi ho ricavato tanti occhietti da un foglio di carta adesiva giallo e li ho fatti attaccare a Piccolo Furfante. Dato che si trattava di una  festa per bambini piccoli,  ho utilizzato dei disegni simpatici per nulla paurosi.
Perche accenderlo apposta per un riccio di circa 10 cm mi sembra un delitto e in questi giorni non ho in previsione di usarlo (il forno, non il riccio ). Le bocce rimanenti (ci eravamo fatti prendere un po’ la mano nella produzione ) le avevamo usate per decorare il nostro Ficus sul pianerottolo di casa. In questo caso Piccolo Furfante, mi ha aiutato a colorare tutte (ed erano molte) le sagome. Piccolo Furfante si e divertito ad infilzare il povero riccio con tutti quei pezzetti di pasta e a togliergli e rimettergli il tenero nasino rosa. Ora non riesco a trovarne nemmeno una da postare… saranno nello scatolone in cantina insieme all’albero!!!



Play barbie management games
Free game frozen bubble
Pediatric stomach flu treatment

Comments to «Toddler body part flashcards»

  1. FenerbahceX writes:
    And a splash guard - a lip on the front of the seat that will.
  2. ADD writes:
    Rhymes to talk about understanding to use.
  3. STAR_GSM writes:
    Low adequate to the ground to allow your child's feet toilet will.