Uno degli aspetti da valutare con maggiore attenzione per scegliere il miglior Hosting per WordPress e Joomla del 2016 e senza alcun dubbio la scelta del servizio piu adatto alla esigenze nostre e del sito o blog che andiamo a creare. Decidere quale hosting acquistare, dove acquistarlo, chi ci e passatolo sa, non e facile perche la scelta deve essere fatta tenendo conto di molte variabili: il costo, ma anche il tipo di sito che ci interessa realizzare. Per tutte queste ragioni quindi l’acquisto dello spazio web non e una operazione semplice, deve essere fatto in maniera oculata soprattutto per evitare di compromettere sul nascere gli obiettivi che ci ripromettiamo di raggiungere con la realizzazione del nostro sito o blog. E prepararsi a spendere qualche decina di dollari al mese, senza ambire a vette di traffico stratosferiche, se no il prezzo sale e non di poco. Perfettamente ottimizzato per wordpress e Joomla, Siteground ha tre punti di forza di valore assoluto. Avere un sito veloce, in un web dove il numero stesso dei siti e dei blog cresce di giorno in giorno come una variabile impazzita, e di fondamentale importanza. Quante volte ci e capitato di chiamare un call center, inviare una mail a qualche service provider per chiarire un dubbio, esporre un problema e richiedere informazioni senza che nessuno ci rispondesse?
Il piano StartUp, al costo di 3,95 euro al mese, si configura come una entry level ideale nel mondo del web. I punti di forza per cui scegliere Siteground invece che uno dei tanti altri gestori di spazio web che navigano in Rete emergono in parte dalla trattazione fin qui condotta.
Sono perfettamente d’accordo con voi, SiteGround e effettivamente un ottimo Provider.
Guarda la Classifica degli Hosting Provider Americani piu economici e professionali dell'anno. Indice1 Qual e il Miglior Hosting Web Americano?2 Classifica dei Migliori Hosting in America3 Server in Italia o in USA? Sappiamo tutti quanto puo essere complicato trovare il miglior fornitore di hosting per un nostro progetto web.
Le caratteristiche e i prezzi dei singoli piani elencati si riferiscono ai pacchetti piu economici offerti dal web hosting. Non proprio… In Italia esistono delle realta in questo campo, che nulla hanno da invidiare ai migliori hoster europei e mondiali.
Aggiungiamo inoltre che e pratica diffusa affidarsi ad un hosting americano per via dell’ubicazione dei server in USA. Il nostro consiglio e sempre lo stesso, prima di spendere troppi soldi conoscete l’azienda con un servizio entry level a basso costo, solo cosi potete sapere se e il webhosting che fa per voi. Reputazione: vi bastera fare una ricerca online (e a questo punto immagino lo stiate facendo) per capire quale azienda scegliere.
Qualita-Prezzo: se i servizi offerti sono molto piu bassi del prezzo richiesto (paragonato alla concorrenza), passate al prossimo hosting. Ovviamente, e necessario che vi venga data la possibilita di lavorare sia in ambiente Linux che in Windows e che sia possibile installare i piu noti CMS, da WordPress a Joomla passando per Magento e Prestashop.
Come dicevamo, cercate innanzitutto di capire quali sono le vostre ambizioni e quelle del vostro progetto. Seguendo l’esempio di prima, se il vostro sito internet genera 1000 visitatori avrete bisogno di una banda di qualche giga. In ogni caso che scegliate un Hosting Economico Estero o di livello superiore assicuratevi di avere la possibilita di poter effettuare un upgrade in corsa, ovvero di poter scalare ad un servizio superiore senza problemi qualora il traffico dovesse aumentare improvvisamente.
Capita spesso ultimamente di vedere offerte di spazi web con dominio incluso a prezzi veramente low cost! Se hai realizzato un sito internet, o hai intenzione di farlo, e indispensabile che il tuo sito (con tutti i suoi contenuti) venga ospitato da un Hosting.
Per fortuna il panorama italiano e piuttosto ricco di aziende fornitrici di servizi hosting.
Dopo una ricerca approfondita sul web tra forum di settore, opinioni dei clienti e recensioni abbiamo stilato la Classifica dei Migliori servizi di Hosting in Italia. Queste caratteristiche sono tutte presenti tra le aziende che abbiamo pubblicato nella lista. Quando si realizza un sito web, solitamente si ha l’intenzione di pubblicarlo su internet e far si che chiunque, da qualsiasi parte del mondo, possa visionarlo. Per far cio, e necessario caricare tutti i contenuti del sito in uno dei tanti servizi di web hosting forniti da un provider.
Se il vostro e un piccolo progetto di qualche megabyte (un sito vetrina senza tante ambizioni ad esempio), spendere 100 euro l’anno per uno dei migliori provider della terra ha poco senso, a meno che non vogliate sprecare i vostri soldi.
Se invece avete un sito internet con tantissimi contenuti, con traffico che supera i 1000 visitatori al giorno, beh forse e il caso che vi affidiate ai migliori hosting provider sulla piazza.
Scegliendo un piano di Hosting Condiviso lo spazio viene condiviso insieme ad altri utenti.
Avrete a disposizione un vero e proprio server nel quale potete ospitare piu domini con un Ip esclusivamente vostro. Insomma un piccolo computer da casa non potrebbe mai raggiungere le prestazioni della piu piccola webfarm!
Oramai e praticamente possibile ospitare siti realizzati in Joomla, Wp o Prestashop presso qualsiasi provider.
Per il resto, Tophost e un azienda Italiana con piu di 153.000 account attivi che lavora da 10 anni su internet (praticamente un secolo rapportato al web) e che con soli €9,90 (!) ti da la possibilita di poter ospitare un sito fino a 10 gb. La questione e sempre la stessa, se il tuo e un sito senza pretese, magari un sito vetrina che aggiornerai una volta ogni tanto, un hosting base da 10 euro con Tophost, puo essere la soluzione. Se invece si tratta di un progetto un po piu complesso potresti prendere in considerazione la possibilita di affidarti ad un Hosting Cloud ad esempio, scalabile, performante e molto piu flessibile rispetto ad un hosting condiviso. Ciao Sandra, grazie per la pronta risposta e complimenti per l’articolo di cui sopra!!
Grazie Sandra, il fatto che si tratti di un messaggio pubblicitario mi fa riflettere sulla valutazione di questo hosting.
Ciao Andrea, conosco SpazioRc, ma non mi pare ci sia la possibilita di fare un upgrade a cloud server. Per lo stesso prezzo ho di gran lunga preferito hosting99 (9.99 euro annuali, anche se io sono poi passato al piano dedicato), non ho piu problemi da quando sono con loro. Salve Roberto, non avendo testato personalmente hosting99 ho preferito non inserirlo in lista. Ho provato vari provider negli anni (non so se sia il caso di riprotare i nomi, magari lo evito, semmai mi chiedete). Da un paio di anni, forse tre, mi sono affidato a Ovh, il piu grosso in Europa e tra i piu grossi nel mondo che, a parte l’apparenza di un pannello assai spartano, devo dire che mi sembra, ad oggi, il piu affidabile tra quelli provati, sia come assistenza che come servizio (velocita di caricamento Ftp, sito sempre raggiungibile, eccetera). Non e mia intenzione fare pubblicita, ci mancherebbe, ci sono hosting certamente superiori e migliori, ma desideravo riportare questa mia opinione, considerato che anche i prezzi sono molto, molto appetibili (meno di 30 euro all’anno per 100 GB di spazio web, traffico illimitato, eccetera).
Oggi scopro che da 2 gg non ricevo nessuna mail dal mio sito, strano, ne ricevo una decina al giorno, provo a vedere che e successo e scopro di avere il sito OFFLINE!!! Inizia a sostenere quindi che era mio dovere informarmi della scadenza del piano (ma non scade) dovevo leggere le email inviate di avviso scadenza (peccato che non ci sono).
Dopo n tentativi di salvare il salvabile l’operatore mi invita ad aprire un ticket sostenendo che non puo aiutarmi e che sono nel torto piu marcio. Torno tra le fatture da pagare e magicamente sparisce la fattura che mi aveva precedentemente creato, il mio sito risulta bloccato (non posso neanche cambiare hosting) e ovviamente cosa piu grave continuo a restare OFFLINE! Mah, non si capisce perche si leggano si questi accanimenti contro Top Host, web4web e hosting99 alle volte….Tutto ovviamnete dipende dal prezzo!
Un servizio sempre affidabile e veloce, non ho costi extra (come ad esempio database o sottodomini). Inoltre quando ho avuto bisogno dell’assistenza per completare il trasferimento sono stati gentilissimi e disponibili ad aiutarmi (avevo sbagliato io che non trovavo una email di conferma per il trasferimento).
Ciao Stefano, in realta come puoi ben capire, il traffico illimitato in un hosting condiviso ha ben poco senso.
Ho un sito ecommerce che conta circa 1000 visite al giorno vorrei acquistare un servizio da xlogic, un base puo andare bene? Di per se il servizio di hosting sarebbe buono, anche se negli ultimi giorni mi sono arrivate alcune email che il server era offline e che stavano risolvendo il problema.
2) al primo problema il sito va offline e mi vedo recapitare una email scarna e con pochi elementi per comprendere.
3) assistenza tecnica che non sa trattare con i clienti e che non si e dimostrata minimamente disponibile ad aiutarmi a risolvere il problema.
Personalmente ho acquistato un hosting base di prova con vhosting e per quel poco che l’ho utilizzato non ho trovato niente di cui lamentarmi. Avrei bisogno di un piano hosting con un ottimo servizio email avente una grande capacita e affidabile…aruba andrebbe bene?
Beh come ti dicevo questo non posso dirlo, anche perche non ho il secondo termine di paragone non avendo provato l’hosting dedicato di ServerPlan.
Ciao io ho sottoscritto da alcuni mesi il pacchetto hosting condiviso con Hosting99 e mi sono trovata molto bene, si tratta di un hosting italiano e che ho trovato molto economico, appena 15 euro l’anno.
Sandra complimenti per la classifica che e una vera ancora di salvezza per chi, come me, considera internet una giungla.
La scelta del web hosting e un tassello fondamentale per il successo di un sito, merita molta attenzione e non va presa con leggerezza.
Capirai il motivo rispondendo a questa semplice domanda: secondo te e meglio avere un sito veloce e sempre attivo oppure uno che ci mette 10 secondi a caricare il contenuto e che non e sempre raggiungibile? In questo articolo ti mostrero quali sono gli aspetti che devi considerare nella scelta di un hosting per WordPress e per farti risparmiare tempo (che potrai dedicare alle lunghissime code in posta, o ad un bel riposino… a te la scelta) ho selezionato quelli che per la maggior parte degli utenti del web sono i migliori hosting per WordPress, italiani e americani.
Tengo a precisare che non e una lista dei primi 1000 hosting provider, ma e una selezione accurata dei migliori. I server sono provvisti di dischi SSD che consentono di avere migliori prestazioni rispetto ai classici hard disk. Molto interessante il fatto che effettuano loro stessi un backup giornaliero, un pensiero in meno per noi. Piani disponibili: Hosting Condiviso, Professionale, Reseller, Semidedicato, VPS, Dedicato. Piani disponibili: Hosting Condiviso, Professionale, Reseller (multidominio), Cloud, Dedicato.
Piani disponibili: Hosting Condiviso, Professionale, Reseller (multidominio), Cloud, VPS, Dedicato. Per chi avesse la necessita di operare in USA, ma anche per chi volesse tutte le funzionalita (illimitate) di un servizio hosting americano a prezzi piu bassi rispetto ai nostri (pagando qualcosina in latenza, un ritardo di circa 150-300 ms, e assistenza in inglese), ecco i migliori hosting americani. Il mio consiglio e di scegliere un piano in base alla stima del traffico che avrai sul sito. In linea di principio vale il fatto che e sempre meglio sovrastimare piuttosto che sottostimare, quindi e meglio acquistare qualcosa che abbia piu prestazioni e risorse piuttosto che ritrovarsi con un sito rallentato.
Hosting Gratuiti: i web hosting offrono uno spazio web gratuitamente ed inseriscono spesso dei loro banner pubblicitari all’interno del tuo sito. Gli hosting condivisi offrono uno spazio web su un server grande che ospita molti altri siti web. Parlando di numeri, il limite di utenti unici dipende da moltissimi fattori, per cui ogni sito e diverso. VPS Hosting: i Virtual Private Server (VPS) si riferiscono alle macchine virtuali, ovvero una partizione di server fisici in server virtuali in base alle esigenze del cliente.
Se non hai nessuna competenza tecnica, ti consiglio di acquistare un managed VPS, dove tutta la parte tecnica di gestione e aggiornamenti, verra effettuata dal provider dell’hosting. Server dedicati: hai un server interamente dedicato al tuo sito web (tutto lo spazio web lo puoi gestire solo te). Questa soluzione viene adottata da chi ha un gran traffico giornaliero, non adatto sicuramente a chi e agli inizi. E una la caratteristica fondamentale, avere un sito veloce e scattante, vuol dire dare una buona user-experience.
Partendo dal fatto che non mi fido molto dei dati che forniscono direttamente i web hosting, io preferisco utilizzare strumenti come pingdom per misurare la risposta del server (non caricamento del sito, che puo variare a seconda se e ottimizzato o meno). E la percentuale di tempo garantita dall’hosting provider nella quale il sito sara raggiungibile e quindi visibile (il server sara up). Visitare un sito, magari per la prima volta, e trovarsi di fronte ad una schermata bianca che dice che il sito non esiste o non e momentaneamente raggiungibile non e mai bello, fa perdere credibilita al sito stesso. Un’altra caratteristica non meno importante da tenere in considerazione, e la banda necessaria, che puo essere intesa come la quantita di dati che vengono scaricati dal tuo sito (immagini, file js, codice html, tutto cio che e presente su una pagina web) in un mese. Molti provider offrono banda “illimitata”, una vera manna dal cielo in quanto avrai un pensiero in meno. Altri provider offrono una quantita di banda ben definita, circa 10-20 volte lo spazio web.
L’assistenza e un punto cruciale nella scelta dell’hosting, tant’e che molti utenti (me compreso) prima guardano l’assistenza e poi tutto il resto.
Io penso che sarebbe meglio avere una buona assistenza prima di tutto, rapida (il sito non raggiungibile puo portare danni economici non trascurabili) e precisa, 24 ore su 24 tutti i giorni. Se proprio non ti interessa avere garanzie e servizi, ci sono web hosting molto economici, a partire da 15€ all’anno, compreso il dominio (ma li sconsiglio, eviterai un sacco di problemi e perdite di tempo). Rimarrai sorpreso dal sapere che WordPress, nonostante l’enorme potenzialita, ha un codice molto leggero, e compatibile con quasi tutti i web hosting ed e preferibile farlo girare su un hosting Linux (non Windows).
Gli hosting provider della selezione che ti ho preparato sono tutti compatibili, e molti propongono soluzioni ottimizzate per WordPress.
Consiglio di leggere sempre i termini di servizio (TOS) prima di acquistare un web hosting, cosi da sapere a cosa stai andando incontro. Soprattutto nel caso di hosting con risorse limitate, leggi il TOS e chiedi all’assistenza cosa accade nel caso in cui dovessi superare il limite delle risorse.
Alcuni hosting provider mettono ben in evidenza due nuove caratteristiche: dischi SSD e server LiteSpeed. Purtroppo, per siti poco visitati, dove non ci sono molte richieste, i miglioramenti apportati da LiteSpeed e SSD (che hanno prezzi maggiori) non si notano nel tempo di caricamento del sito rispetto ad un classico Apache e SATA.
Si nel caso di siti con un buon numero di utenti (almeno qualche migliaio di utenti unici giornalieri), no nel caso di poco traffico, a meno che non vengano offerti allo stesso prezzo di dischi SATA e server Apache. Se hai un po’ di tempo da investire, informati, trova delle fonti sicure, leggi e compara le opinioni.
Assicurati, chiedendo all’assistenza, che sia semplice fare un upgrade del piano hosting, nel caso divenisse necessario (lo spero per te).
Puoi immaginare il dominio come un’etichetta che dai ad uno spazio web per essere facilmente rintracciabile e raggiungibile (detto in parole molto povere), e il classico “nome del sito”, ad esempio robertoiacono.it. Il mio consiglio e quello di separare l’hosting dal fornitore del dominio (registrar). Prima di acquistare hosting e dominio, metti bene in risalto questa tua necessita all’assistenza e assicurati che sia supportata da entrambi (la maggior parte degli hosting affidabili lo consente). In ogni caso, evita di usufruire del dominio gratuito per un anno, in quanto dal secondo anno i prezzi del rinnovo saranno leggermente piu alti rispetto al normale e sarai legato all’hosting provider. Se hai un sito con un pubblico italiano e non hai particolari legami tra esigenze e budget, a parita di prestazioni. In realta, l’importanza di un server italiano o americano varia molto dal contenuto del sito. Spesso pero i top hoster stranieri, come quelli che ho selezionato, sono migliori di quelli italiani. Quindi l’unico vero problema che potresti incontrare con un hosting provider straniero e solamente la lingua (risolvibile, almeno parzialmente, usando degli strumenti di traduzione molto potenti, come Google Traduttore), sempre che 300 ms di latenza non ti sembrino eccessivi. Per maggiori informazioni guarda questa pagina per la Blogging Box e questa per le 30+ cose da non fare con WordPress.


Per chi non lo sapesse, ricordiamo che per mettere online un sito servono sostanzialmente due cose: il dominio e lo spazio web (hosting). Lo spazio web necessario per ospitarli non potra essere assolutamente lo stesso, la velocita con cui dovra aprirsi una pagina dove presentiamo un prodotto o cerchiamo di invogliare un cliente ad acquistare da noi dovra essere necessariamente maggiore rispetto a quella di un sito dove raccontiamo delle nostre ultime vacanze e per il quale non abbiamo alcun fine ne interesse di tipo commerciale o economico.
Oggi Siteground e cresciuta a tal punto da proporsi come hosting provider in grado di aprire siti e blog a grande velocita praticamente in ogni angolo del globo, grazie ai suoi server sparsi per il mondo.
Un visitatore che arriva su un sito per vedere un prodotto o leggere un post o semplicemente alla ricerca di informazioni, se il sito non apre velocemente le pagine semplicemente andra via, a cercare le stesse informazioni o gli stessi prodotti su altri siti piu veloci.
Si tratta di un prodotto pensato per i siti che non necessitano di grandi risorse in fatto di spazio, ma comunque hanno bisogno di un hosting affidabile per qualsiasi destinazione almeno europea. Il piano StartUp e assolutamente adatto a tutti i siti ed ai blog che non superano le 10.000 visite mensili.
Il piano GrowBig, la soluzione intermedia, ha un costo mensile di 7,95 euro contro i 3,95 del piano StartUp.
In estrema sintesi, comunque Siteground rappresenta la soluzione di hosting ideale e perfettamente ottimizzata sia per WordPress sia per Joomla. La grandissima varieta di offerte e di aziende sul web potrebbe confondere le idee anche all’internauta piu navigato (concedetemi la frase). Ok, qualche societa di hosting che vi offre lo spazio web a 50 centesimi (in overselling ovviamente) la troverete pure, ma nella maggioranza dei casi si tratta di aziende serie che offrono il massimo in fatto di hosting. Un piano che vi offre 10 Gb di spazio potrebbe andar bene per una semplice installazione di WordPress e Joomla, ma potrebbe risultare piuttosto misero se avete intenzione di realizzare un sito di Fotografie Professionali in HD (qualche centinaio di foto e il sito sarebbe gia pieno) o un portale web di grosse dimensioni.
Se invece si tratta di un ecommerce da piu di 10.000 visitatori al mese il consiglio e quello di acquistare un piano spazio web con traffico illimitato. In pratica vengono messi a disposizione un insieme di server collegati tra di loro, in questo modo si potra disporre di tutte le risorse necessarie e inoltre, si paghera solo il reale utilizzo. Gli Hosting piu performanti danno tutti gli strumenti necessari per poter installare qualsiasi tipo di CMS. Ho un sito in locale realizzato con wp di 1,2 MB e suppongo avra un audience prevalentemente italiana.
Per quanto riguarda l’assistenza, con me sono stati piuttosto celeri nelle risposte e nella risoluzione di semplici problemi. Cmq nel mentre stavo valutando altri due server che mi hanno incuriosito ovvero coolnetwork e noamweb.
Sto leggendo qualche recensione e chiedero info al servizio di assistenza, poi magari faccio una prova acquistando personalmente un prodotto e nel caso andra tutto bene verra inserito in lista. Tutto tranquillo quindi, parlo con un operatore in live chat e risolvo tutto pensavo… ERRORE! Ho progetti su hosting professionali diversi e in linea di massima mi trovo bene con tutti, ma considerando che prima o poi tutti i server vanno giu, anche quelli di facebook e di Google, per me quello che conta piu di tutto e la reattivita del servizio assistenza. Per un sito ecommerce con 1000 Visite al giorno non puoi acquistare un servizio base di quel tipo. Dovrebbe essere dipeso da me che in quel momento stavo aggiungendo una pagina al blog (WP). L’unica cosa che hanno fatto, dopo alcune ore e su mia richiesta esplicita (del resto come avrei potuto risolvere un problema se non ho la possibilita di accesso a WP perche e offline?) e stato rimettere online il sito in modo che mi risolvessi il problema da solo. Spero che qualche responsabile di vHosting leggendo questo tuo commento possa darci delle risposte in merito. Inoltre SiteGround e praticamente uno dei (il) miglior hosting in Europa e non ci sono problemi in quanto a tempi di latenza e ping. Il servizio e molto veloce e devo dire cio che mi ha piu stupito e il centro assistenza che e molto attivo tanto che per ogni problema mi hanno risposto subito nel giro di un giorno. Ti rispondo subito, quando si tratta di siti web con finalita commerciali (nel senso che direttamente o indirettamente saranno legati ad un’attivita commerciale) il mio consiglio e di evitare gli hosting condivisi da 10 euro al mese. Poi sono stato un anno su Xlogic: valutazione poco piu che sufficiente, mi aspettavo di piu. Ecco dove scovare le informazioni piu utili per sapere a priori se il provider o l'offerta fanno al caso nostroQuando stiamo per acquistare un servizio hosting da un provider che non conosciamo, vorremmo essere informati su tutti i pregi e i difetti del fornitore e del servizio offerto, ma soprattutto vorremmo consigli veritieri su quale sia il miglior hosting per le nostre esigenze. Tenendo in considerazione i risultati di velocita, di numero di down del server, della qualita del servizio di assistenza, il tutto sfruttando i commenti scritti dai normali utenti, persone come te e me che hanno gia avuto un rapporto con gli hosting. Studiando, leggendo, informandomi ed analizzando le opinioni che ho trovato su internet, e per esperienza personale, e un servizio hosting di ottima qualita, professionalita, prestazioni e assistenza. Ma se non sei soddisfatto, ecco altri ottimi hosting per un pubblico di riferimento italiano o europeo. Iniziare con un piano hosting da 1000€ l’anno con la stima che il sito arrivera al massimo a 1.000 utenti unici al giorno, non e una buona idea.
Successivamente potrai stimare meglio la crescita futura del sito ed adeguare il piano hosting alle nuove esigenze.
Con questo tipo di servizi non si ha alcun tipo di garanzia, i server vanno spesso giu e la velocita di risposta e molto lenta. Hanno un costo relativamente basso (intorno ai 30€ all’anno e un prezzo ragionevole) e prestazioni e risorse accettabili per iniziare.
Avrai sempre delle limitazioni in prestazioni, e se il carico del tuo sito crescera notevolmente, ti consiglieranno (e anche te vorrai farlo, visto che il sito rallentera notevolmente) di passare ad un piano hosting superiore. Non si dovrebbe generalizzare e non esiste un numero preciso di utenti unici che il server condiviso riesca a gestire, per cui non prendere quello che ti diro per vero.
Scelta consigliata per Web Designer, Webmaster, e a tutti quelli che intendono offrire questo servizio ai loro clienti.
Nonostante tu stia condividendo il server fisico con altri utenti, questo sistema ti fornisce un controllo come se fosse un server dedicato. Quindi hai pieno controllo sulla gestione del server stesso, compreso il Sistema Operativo, l’hardware ecc.
Come prima, il provider gestira gli aggiornamenti e tutto cio che riguarda l’amministrazione del server.
La maggior parte degli utenti scappano dal sito se questo si carica in una decina di secondi. Affinche il test sia veritiero, devi effettuare molti test (seleziona il server europeo di Pingdom se il pubblico del tuo sito e in Italia) e devi conoscere i siti che usufruiscono dello stesso piano hosting che vuoi acquistare… non e una passeggiata trovarli, ma se cerchi tra le recensioni di un hosting provider, sicuramente troverai qualcuno che possiede un sito sull’hosting che stai cercando. Ovvio che se vuoi immagini in HD, video, musica, beh, allora il discorso cambia radicalmente.
Ma attenzione: in realta ci sono delle restrizioni di utilizzo (leggi sempre il contratto). Per avere una stima approssimativa della banda necessaria per il proprio sito web, basta moltiplicare il peso medio di una pagina, per il numero di pagine viste in un mese. Personalmente trovo la banda illimitata la soluzione ideale, risparmio tempo e salute per calcolare la banda necessaria del sito prima dell’acquisto, ma soprattutto, evito di pensare ai consumi e alla possibilita di sforare il limite solo perche un mese ho ricevuto piu visitatori rispetto alle previsioni.
Ti capitera sicuramente (ma non te lo auguro) di aver bisogno di un po’ di supporto per il tuo spazio web, quindi fatti questa domanda: in caso di bisogno, vorresti ricevere assistenza immediata e professionale?
Meglio spendere qualcosa in piu e avere ottime prestazioni e assistenza piuttosto che avere tantissimi problemi, perdere un sacco di tempo e perdere anche denaro (e molte altre possibilita) solo per risparmiare il piu possibile.
Molti provider, inseriscono delle clausole del tipo: “Ci riserviamo il diritto di strozzare le risorse di un sito nel caso in cui sovraccarichi in maniera eccessiva il server, questo per assicurare un buon servizio a tutti gli altri siti ospitati sul server stesso”.
I prezzi saranno leggermente piu alti, ma in questo modo potrai valutare con calma il servizio che ti viene offerto, e nel caso in cui non fossi del tutto soddisfatto, potrai cambiare provider senza perdere grosse cifre di denaro. Molti web hosting vendono separatamente il piano hosting (quindi lo spazio web con tutti i servizi associati) e il dominio. Se il sito ha poche pagine e con contenuti quasi totalmente testuali, tipico esempio di sito vetrina, beh, anche un server americano e un’ottima scelta.
Questo per tanti motivi, sicuramente il numero di siti che devono gestire e molto maggiore di quello che devono gestire i provider italiani, in piu vivono in un mercato con una maggiore concorrenza.
Allo stesso modo, un blog che decidiamo di aprire per raccontare le nostre impressioni sui massimi sistemi quando ci capita di averne voglia e diverso da un blog creato per promuovere sistematicamente i nostri prodotti o servizi, suscitare interesse a quello che facciamo, trovare clienti, in ultima analisi vendere. Domanda in parte tendenziosa, perche se per migliore intendiamo quello che garantisce in assoluto le piu elevate performance in fatto di velocita e stabilita, e necessario rivolgersi al mercato americano.
E Siteground nei suoi piani adotta numerosi strumenti avanzati per ottimizzare al massimo il rendimento dei siti che ospita in fatto di velocita. Risultato, questo, facilmente ottenibile con Siteground Startup grazie ai server dell’azienda collocati ad Amsterdam. Questo e un dato che deve far riflettere, considerando soprattutto le dimensioni del mercato italiano.
Nel nostro piccolo, abbiamo gia da qualche mese effettuato delle verifiche testando quelli che sembrano essere i piu conosciuti, affidabili ed economici Hosting Americani dell’anno.
Inoltre, conoscono benissimo il peso di una recensione negativa e data la concorrenza spietata in questo settore, non correrebbero mai il rischio di perdere un cliente per via di un’assistenza approssimativa. Molto utile quindi, nel caso di un progetto multilingue con visite provenienti da oltre oceano.
Pagare un server condiviso 0,99 centesimi al mese puo essere un buon modo per provare la societa di hosting per poi passare ad un livello successivo. Molte aziende tendono a fare overselling, cio significa che il vostro sito potrebbe trovarsi nello stesso server insieme ad altri 10.000. Non e un caso ad esempio, che in tutti gli hosting che abbiamo pubblicato in classifica e possibile installare i Cms piu conosciuti: da WordPress a Magento passando per Joomla e Prestashop. Leggendo il tuo articolo sarei orientato per Tophost ma ho visitato il sito e non e che mi faccia un’impressione magnifica.
Nata a Torino nel 2011 da qualche mese sta cominciando a ritagliarsi un posto tra gli hosting low cost italiani.
Mi sono trovato discretamente con Misterdomain, Giganet e Hostingsolutions, ma devo dire che Flamenetworks ha di gran lunga il miglior sistema per gestire le richieste di supporto. Illimitato non significa che il tuo sito puo sfruttare tutta la banda possibile ed immaginabile pagando solo 9,90 l’anno. Anche se le visite non sono eccessive, un ecommerce consuma molte piu risorse di un blog o di semplice sito informativo, ragion per cui, forse sarebbe piu appropriato propendere per una Vps o un hosting dedicato. Conviene puntare su uno italiano per la disponibilita di server in Italia oppure il fatto che il secondo sia in Olanda non cambia molto? Sono tutti e due degli ottimi prodotti di fascia alta e fai bene con un ecommerce da oltre 1000 prodotti a puntare su servizi di questo tipo.
Quando invece avevo bisogno di un parere diretto ho semplicemente contattato la loro live chat anche questa sempre attiva. Tra tutti quelli che ho provato e che gestisco attualmente Keliweb e Siteground risultano i migliori. Questa necessita deriva principalmente dal desiderio di evitare soluzioni poco performanti, malfunzionanti e, di conseguenza, dannosi per la nostra immagine e il nostro business.Gli utenti piu scafati sanno dove trovare il consiglio hosting veritiero, individuando sul Web tutte le informazioni di cui hanno necessita e scegliere cosi l’offerta hosting piu conforme alle proprie esigenze. Hai gia capito che la scelta di un buon ottimo hosting puo aiutarti ad avere un buon sito, magari di successo!
Perche sono cliente di VHosting Solution da un paio di anni con un altro sito e sono molto soddisfatto del servizio ricevuto. Non consiglio mai di iniziare con questo tipo di servizio, piuttosto di usarli per fare dei test.
Se cio non accadesse, tutti i siti presenti su quel server, risentirebbero negativamente del carico del tuo sito (praticamente gli sottrai risorse).
Ma giusto per darti una vaga idea, con un hosting condiviso a 30€ all’anno, si potrebbe arrivare a gestire fino a 3.000+ utenti unici al giorno. Spesso questo tipo di hosting e adottato da sviluppatori, utenti intermedi e blogger con siti con traffico medio-alto. Inoltre la struttura e molto affidabile in quanto esiste una ridondanza di server in modo tale da sopperire a problemi che si possono causare su singoli server (non si avranno rallentamenti o perdite di prestazioni sul sito).
In piu Google ha annunciato che tra le centinaia di fattori che influiscono sul posizionamento nei motori di ricerca, la velocita di caricamento di un sito e gia presa in considerazione e lo sara sempre di piu in futuro (piu il sito sara veloce, e piu probabilita hai di essere posizionato meglio).
Quindi su un hosting da 30€ hai un rimborso (se mai te lo daranno) di 3€, ma nella pratica probabilmente avere il sito irraggiungibile ti ha fatto perdere molto di piu (vendite mancate, perdita di possibili futuri clienti, perdita di possibili iscrizioni alla newsletter, ecc…). Nella pratica, mettono a disposizione piu risorse di quanto un sito-blog classico possa raggiungere, dando l’illusione di essere illimitate. Evita i siti di ranking che mostrano i top 10 hosting, la maggior parte mostra sempre i soliti provider perche offrono commissioni maggiori. Soprattutto nel mondo dell’hosting, le cose cambiano velocemente, un hosting provider eccellente 4 anni fa, oggi puo essere pessimo, e viceversa.
Comprare solamente lo spazio web, e come comprare una chiavetta USB di grosse dimensioni raggiungibile da qualsiasi parte del mondo, ma totalmente inutile se vuoi mostrare il sito. Tutto cio si traduce in prezzi piu bassi per gli utenti (e come andare a fare la spesa in un grosso supermercato piuttosto che andare in bottega), maggiore attenzione nella qualita dei servizi (per differenziarsi dalla concorrenza) e maggiore esperienza (parlando sempre a parita di servizio e garanzia offerti).
La proposta di Siteground si fa preferire rispetto alla maggior parte delle altre soluzioni presenti sul web anche per un eccellente rapporto tra prezzo e contenuti dei tre diversi piani di hosting condiviso (shared hosting) in cui e articolata, e che andiamo ora ad esaminare nel dettaglio, partendo naturalmente dalla soluzione piu economica, denominata piano StartUp. Pur offrendo come detto un pacchetto di servizi di assoluto valore ed importanza, Il piano Startup prevede chiaramente alcune limitazioni rispetto alle soluzioni piu costose, di cui andiamo a parlare piu avanti. I prezzi sono leggermente superiori alla media del mercato, ma la qualita del servizio offerto giustifica sicuramente la spesa effettuata. In ogni caso, per quanto riguarda la scelta dell’hosting, devi sempre valutare il tuo progetto e i relativi margini di crescita, dato che xlogic (cosi come molti altri hosting low cost) non ti offre la possibilita di fare upgrade ad hosting dedicato o addirittura cloud. Ovvio che se pago un servizio 9,90 euro come su hosting99 o top host, o 10 euro come su web4web il servizio sara un po diverso. Xlogic e una buona azienda, ma noi abbiamo provato solo il piano base, non saprei dirti per quanto riguarda altri servizi. Ma ci sono numerosi web hoster (detti anche hosting provider) che offrono i servizi piu disparati, e ovviamente non sono tutti uguali. Ottime prestazioni, assistenza sempre presente e rapida (per le rare volte di cui ne ho avuto bisogno). Ripeto, non prendere questo valore come oro colato, puo essere di meno o di piu, ma e giusto per capire che non puoi arrivare fino ai 20.000 unici con un server condiviso. In linea di massima, preferisco comprare un hosting da 30€ all’anno piuttosto che uno da 10€. Informati sui forum di settore, troverai gente preparata, esperti, ma anche comuni webmaster, che diranno la loro senza puntare ad un guadagno economico. Per rendere visibile il sito web, dovrai acquistare un dominio che dovra puntare al tuo spazio web (a cui e associato un indirizzo IP).
Inoltre Siteground utilizza Apache come web server, ottimizzato al meglio per le performance, e Percona MySQL, molto piu veloce e performante rispetto alla versione di base. GrowBig e ideale quindi per ospitare siti di dimensioni medie, non oltre le 25.000 visite al mese. Questa e una caratteristica di capitale importanza nel mondo globalizzato e super concorrenziale dei nostri giorni. Nel periodo di prova chiedete spesso informazioni al servizio di assistenza anche solo per verificare la celerita e la completezza delle risposte. Non posso indicarti un servizio piuttosto che un altro per ovvie ragioni, ma tieni conto che tutte quelle pubblicate in lista sono aziende affidabili. Dall’altra parte Server Plan offre un ottimo prodotto ed e una delle aziende Italiane delle quali troverai poche recensioni negative. Quindi evitate di correre rischi di questo tipo se state per avviare un progetto importante.
Cerchiamo sempre di offrire informazioni imparziali, basate sulle reali esperienze d’uso di chi redige ogni singolo consiglio o articolo e, a dimostrazione di questo, abbiamo dedicato una sezione del sito, quella delle Recensioni, a tutta una serie di stress test e prove tecniche reali condotte su una serie di servizi, fra i quali compaiono anche le offerte di hosting condiviso e dedicato. Parlando di pubblico in Italia e facendo riferimento a server sempre in Italia, questo ritardo e dell’ordine di 150-300 ms per server in America e di 10-20 ms per server in Europa.


Ecco allora che chiunque pensi di creare piu di un sito, o per esempio diversi blog inerenti a tematiche diverse, avra bisogno per il suo hosting di un prodotto diverso.
Il punto di riferimento sono le visite mensili del nostro sito, se ne abbiamo uno da trasferire in Siteground, o quelle che pensiamo possa totalizzare il nostro nuovo sito. E’ un limite, perche qualora il tuo sito crescesse improvvisamente in termine di visite, saresti costretta a cambiare necessariamente hosting, con i down e le attese del caso.
Ci sono diversi hosting che vi offrono uno spazio con indirizzo ip dedicato spendendo pochi euro al mese. Una volta che l’utente conosce la realta, il fatto di avere risorse illimitate lo vedo piu come un vantaggio (non devi continuamente pensare al consumo di risorse). Il piano GrowGeek e pensato per ospitare i siti con volumi di traffico particolarmente elevati, fino a 100.000 visite mensili. Fino alle 10.000 visite mensili non ci serve altro che il piano StartUp, con una spesa di soli 3,95 euro al mese.
Esattamente 70 euro, ma e una spesa che potrai totalmente ripagare grazie ai miei consigli per guadagnare con un blog.Ok Dario, ma che diavolo significa acquistare hosting e dominio wordpress. Per quanto riguarda Netsons ne ho gia parlato nel commento precedente: ottima azienda, ottimo servizio di assistenza e ottimo prezzo!
Personalmente uso molti hosting perche rivendo i servizi e posso dirvi che non credo di poter rivendere un servizio di ovh pagato 90 euro a 120 euro ma un servizio pagato da hosting99 9,90 a 50 euro si. Se il tuo sito consuma risorse per piu del 30% ( valore che varia a seconda delle aziende ), verra sospeso per consumo eccessivo di traffico. Tra questi quelli che consiglio (perche testati con i miei siti) sono ServerPlan e SiteGround. Qui possiamo quindi trovare informazioni indipendenti e esperienze personali d’uso degli utenti che decidono di rendere partecipi anche gli altri membri del forum. Quindi e normale trovare piu opinioni negative rispetto a quelle positive… ma se ne trovi solo di negative, beh, allora lascia perdere. Rispetto a GrowBig offre ancora piu spazio web (30 GB), naturalmente e pensato per ospitare piu domini e piu siti web, e presenta alcune ulteriori peculiarita, come la possibilita di essere ospitato su server con molti meno utenti.
Per quanto riguarda ServerPlan ti consiglio il servizio:Vps Hosting da 20 euro al mese ottimizzato per tutti i CMS e Ecommerce compresi. Rimangono le caratteristiche comuni con gli altri piani: traffico, account e-mail e database MySQL illimitati. In ogni caso prova a cercare servizi di questo livello ed evita se puoi degli hosting condivisi da 10 euro. A volte, ci basta solo inserire il nome dell’offerta che vorremmo attivare o del provider che ce la propone per trovare commenti ed esperienze d’uso.
Su hosting99 l’assistenza e da provare perche in 20 minuti ti rispondono, su top host lascia di stucco il costo dei domini. Ma grazie ad un “trucchetto” (di cui ti parlo alla fine di questo post) puoi spendere ancora meno (molto meno, ma solo per il primo anno).Difetti?
Nella mia vita ho provato piu hosting che altro e posso assicurarti che sto per farti fare la miglior scelta in assoluto: sia a livello economico che di prestazioni. Qui possiamo individuare differenti informazioni, a patto di cercare nelle categorie corrette e di consultare piu pareri e post possibili rispetto allo stesso servizio di hosting che vogliamo valutare.
Altrimenti lasciami un commento con qualsiasi richiesta.Se lo desideri puoi seguire il video tutorial invece che la guida seguente. Serieta che pero io ho sperimentato soltanto con i sistemi avanzati (server dedicati e VPS).Alcuni dei mei clienti hanno incontrato difficolta con Artera, in particolare a causa dei tempi medi di intervento del customer care e delle politiche di marketing, che definire “energiche” e un eufemismo.
Il tuo indirizzo email: ISCRIVIMI ADESSO Hosting Talk e il punto di riferimento italiano per i professionisti del web, webhosting provider e ISP.Niente SPAM, promesso! Anche per te va bene un hosting condiviso come quelli visti in precedenza, tanto piu che se propendi per PayPal e non per altri sistemi di pagamento remoto non avrai neanche bisogno di certificati SSL.Per il piccolo business va bene WordPress associato a Woocommerce, plugin sufficientemente affidabile ed intuitivo. Se il numero di prodotti in vendita e importante, e se desideri un sistema pensato per gli eShop, allora e probabilmente il caso di rivolgerti al piu complicato ma potente Magento.
Che pero in questo caso si rivelerebbe particolarmente “pesante”, e richiederebbe risorse che anche il miglior hosting condiviso potrebbe non garantire.Conclusioni.Il vincente? Si, resto dell’avviso che il miglior hosting per metter su un blog, con WordPress o Joomla, sia SiteGround.
A proposito: se gia hai un dominio, puoi acquistare un anno di servizio a soli 9,95 Dollari attraverso questo link. Dove vedi la stellina ci sono tre servizi spuntati, io personalmente non li ho spuntati perche non li uso, se credi che ti possano essere utili lasciali spuntati :-) Se invece li togli il prezzo calera, dipende dalle tue esigenze. Attenzione il prezzo finale potrebbe subire minimi cambiamenti nel tempo dato che questa guida non e aggiornata quotidianamente ;-) Ps: lo zipcode e il cap della tua zona!! Perche le risorse riservate al primo sito vanno poi condivise con i successivi, ed e chiaro che su questa via le performance sono destinate al declino.Ora pero anziche darti altri consigli vorrei farti una domanda: secondo la tua esperienza (e non quella vissuta da altri), qual e il miglior hosting in assoluto?
A questo punto si telefona e nonostante ti dicono che non ci sono problemi misteriosamente tutto diventa veloce. Inoltre sara un caso ma da quando i miei siti sono presso di loro sono costantemente hackerati nonostante usi tutte le preucazioni possibili, gli stessi siti da un altro provider non mi erano mai stati toccati, ripeto, sara una coincidenza pero.. E la soluzione che adotta questo blog, con server europeo ed in piu IP dedicato (caratteristica non indispensabile). Ovviamente il tuo blog ora e vuoto e sicuramente la sua apparenza grafica non e quella che piu vorresti.Per imparare ad utilizzare wordpress, cambiare il suo template grafico, inserire nuovi articoli, ho scritto una guida velocissima e super completa. Molto probabilmente troverai la soluzione ai tuoi problemi.Posso pagare Siteground con Postepay? Essendo Postepay del circuito VISA, la risposta e SI :-)Puoi darmi qualche indicazione maggiore sulle funzionalita di "questo siteground"? Siteground e interessante, ma cosa si intende con “suitable for 10,000 vists monthly”?
In realta il loro hosting di base puo supportarne molte di piu, anche perche non c’e limite di banda. Tuttavia chiedono di contenere il numero dei processi, il che si traduce in pratica nel fare attenzione alla quantita e alla qualita dei plugin che utilizzi.
Solitamente il dominio funziona immediatamente subito l'acquisto, ma ci sono casi in cui ho dovuto aspettare qualche ora o un giorno intero prima che venissero attivati.
In ogni caso se propendi per questo … miglior hosting ti conviene a mio avviso prendere in considerazione il piano GrowBig, che fornisce Super Cache ed altre ottime soluzioni per aumentare le prestazioni. Questo non dipende da Siteground ma dal funzionamento del web.Ho acquistato un hosting italiano o un hosting scadente, ora voglio passare a Siteground. Segui il video tutorial per spostare il proprio blog o sito web da un altro hosting a Siteground: lo trovi in questo post nella sezione "videotutorial".Posso pagare Siteground con Paypal?
Ti chiedo un consiglio: l’ecommerce e per una ferramenta (quindi gli articoli potrebbero arrivare anche ad alcune migliaia), dici che sia rischioso usare wordpress con woocommerce?? Limitati a seguire i passi descritti nella guida o nel video-tutorialPosso modificare il nome e la descrizione del mio blog o sito dopo averlo creato?
Non sono molto esperto e un ragazzo dell’assistenza mi ha preinstallato wordpress, in piu il pannello clienti secondo me e eccezionale! Forse a te rimane soltanto la reimpostazione dei DNS, operazione per la quale comunque ti forniscono dettagliate e semplici indicazioni.No, antivirus e tutte le altre opzioni che indicano per far lievitare il costo non sono necessari.
Tanto piu che ad esempio il servizio di backup e comunque presente anche nella configurazione del piano di base (nella soluzione avanzata vengono salvati 30 file quotidiani al mese).Ciao, Gianni. Sei stato chiarissimo (beh, alcuni termini tecnici non li ho capiti..) e quindi ho deciso di darti fiducia, mi sembri uno che ne sa davvero! Io ho un blog su piattaforma blogger, aperto per gioco, ma ora sta diventando il nostro secondo lavoro, quindi vorremmo passare a wp per un layout ed un blog piu professionale.
Sono molto tentata di acquistare una videoguida e farmelo io ma spiegano solo come costruire un blog con wp, non come costruire ed importarvi tutti i contenuti presenti in blogger.. Devo comunque acquistare un hosting e pensavo di andare su bluehost prima di leggere il tuo articolo.. Ho letto dai commenti che hai scritto che loro si occupano di importare tutti i contenuti… Significa che io costruisco il blog con wp e tutti i contenuti di blogger me li importano loro? Scusa ma sono davvero molto ignorante ahime in materia e ti chiedo col cuore in mano di parlarmi davvero in stampatello affinche riesca a capire. Domanda 2: tu quindi mi consigli di farmi fare il blog e il passaggio ecc da un web designer o ritieni siano soldi buttati e che il passaggio sia cosi intuitivo che io stessa posso cavarci fuori i piedi?
Oggi ho provato a seguire tutte le tue indicazioni e sono riuscito ad installare wordpress. Cioe, puo ospitare solo un sito o puo ospitare piu siti, ma a patto che tutti siano costruiti con wp?
Secondo te una volta completato il trasferimento si sistema tutto in automatico o e meglio cancellare quello che ho fatto ed aspettare? Dario VignaliMmm mi sembra strano, a suo tempo non ricordo se bluehost mi aveva richiesto tempi di attesa. Tu che cosa consigli di fare ?ps per trasferire il blog su sitegruond devo cliccare sul pulsante registrati o dove c’e scritto wordpress trasferici ?
Brevissimamente: 1- siteground offre un dominio incluso, se volessi registrarmi altre estensioni come reindirizzamenti e possibile?
Mi servirebbe solo cambiare la lingua in italiano… Dario VignaliAllora dovresti scaricare il file della lingua italiana e installarlo. Ma se tu hai modo di scaricare l’intera cartella con le foto puoi successivamente caricarla sul nuovo server e creare su WordPress una galleria fotografica.
Pero se vuoi un mio aiuto devi aspettare lunedi che ora sono in ferie senza pc ;-) — Sent from iPhone MicheleOk grazie mille e buona vacanza!!! Dario VignaliCiao Vanessa, ? E necessario poiche bluehost ti offre il servizio di hosting (lo spazio web e altre capacita) che sono necessarie. Grazie :) ILMovimentoVisto che tu sembri di Ferrara , io sono di Bologna, ma vivo qui al sud, a Latina. Ho enormi difficolta a creare un blog, e speravo che tu potessi aiutarmi o conoscessi qualcuno che lavora da queste parti a cui commissionare la creazione di un blog di tipo politico. MI sono iscritto su Altervista, 123, wordpress, e Bolgfree, ma proprio non riesco neppure a impostare il logo del mio movimento, figuriamoci i banners pubblicitari o postare articoli di giornali… Aiutooooooooooooooooooooooooooooooooooo????????????? Comunque , per il sottoscritto che proprio giovane non sono, non riesco proprio a capire come costruire un blog… MaruCiao, innanzitutto complimenti per la guida molto ben spiegata!
Tu sapresti consigliarmi un hosting che soddisfi le mie esigenze e che sia il piu economico possibile? Mi mancano tutti gli altri passaggi tipo la scelta del themplate, l’impostazione delle varie sezioni e quindi lo scheletro del sito stesso (che poi in realta sara un blog). Detto cio, una volta acquistato l’host e scelto il dominio, come faccio a renderlo attivo? Scusami ma nonostante io gia gestisca siti in wordpress 8dal punto di vista dei contenuti), non ne ho mai costruito uno da zero per cui mi trovo un po’ in difficolta. Costa 40 euro al mese, secondo te e veramente cosi efficace da valere la pena, pure se praticamente raddoppia il costo del piano?Grazie e buon lavoro.
Il trasferimento guidato di wp sono 129$ e finisce li o poi devo pagare qualcosa ogni anno? Se invece volessi fare da sola ho capito che risparmio qualcosa in piu e spenderei circa 70 euro, come hai detto tu. Alla fine se sono 20€ in piu (fatto oggi la conversione: 129$=95€) perche non conviene evitarsi lo sbattone, specie per chi non e competente in materia? Da buon italiano medio il mio inglese e pessimo quindi chiedo prima a te, se puoi rispondermi.
Secondo te Siteground il miglior hosting per due siti o e meglio Bluehost?Grazie in anticipo! Grazie mille per la guida semplice da seguire anche per una donna;-P Tutto fatto ma safari non mi trova il server…forse servono un tot di otre perche sia visualizzabile il sito? Perche ho letto dopo che hai scritto che verra a costare meno di 25 dollari ma non mi tornano i conti…. Vorrei rifare da zero lo store dell’azienda in cui lavora mia moglie (antiquatissimo) su un nuovo dominio.
Vorrei farti una domanda, Siteground lo consigli anche per le formule reseller, ovvero per coloro che hanno piu di un cliente e devono gestire con un unico pannello di hosting.
Tenendo conto che non saprei configurare un VPS e che vorrei sviluppare lo store con wordpress+woocommerce, cosa mi consigli di fare? Attualmente sono su un hosting italiano ma entro breve voglio migrare all’estero la classica fuga di siti web.
Le mie esigenze oltre a quella di poter aprire hosting per conto dei miei clienti sono quelle di poter accedere con Ftp SSH phpmyadmin Quale piano dei servizi mi consigli? Penso possa fare al tuo caso.Non credo affatto ti serva un VPS, a meno che il sito non faccia piu di 10mila visite al giorno. Il punto e questo,ma per avere iscritti al proprio blog bisogna usare quella funzione oppure ci sono plug in o widgets appositi? Complimenti per l’articolo sincero e non di parte, e complimenti per la cura che offri nelle risposte degli utenti che ti scrivono. Fossi in te lascerei cosi le cose, il fatto di avere altri utenti registrati non serve e appesantisce il blog. L’articolo e molto chiaro e mi ha quasi convinto a spostarmi presso il server da te suggerito.
Questo nel caso si parli di un blog, se invece stai costruendo un sito con backend o un forum le cose cambiano assai :) In ultimo caso se e un blog scritto a piu mani ti suggerisco di aggiungere gli utenti manualmente dal pannello di amministrazione degli user! Ti ringrazio per le belle parole, fammi sapere se hai bisogno di chiarimenti :) GianlucaGrazie a te per la disponibilita e la tempestivita della risposta! Si tratta di un blog ma mi piacerebbe comunque avere riscontri dai lettori,anche per scrivere dei post ancora piu mirati alle esigenze.
Per fare questo pensi sia sufficiente abilitare i commenti ai post o hai suggerimenti migliori? Dario VignaliCome vedi io vado piu che bene con i soli commenti ;-)Se sei uno sperimentatore ti consiglio di installare il sistema di commenti disqus (come il mio), una vera figata!
Non appesantisce molto e ne vale la pena— Sent from Mailbox for iPhone DaniloCiao Dario Volevo chiederti, non ho capito bene se conviene comprare direttamente un servizio di hosting ed installare gratis wordpress da esso, o bisogna comunque pagare prima wordpress? Se poi io volessi creare altri siti e utilizzare sempre siteground acquisto il piano growbig? Quando raggiungeranno un traffico del genere i siti ti ripagheranno a sufficienza per passare al miglior hosting con server dedicato. Avevo pensato di utilizzare il piano base di bluehost, tuttavia second lei cosa sarebbe meglio utilizzare?grazie mille. Il sito personale lo costruirei da zero con WordPress, mentre il primo blog lo trasferirei tramite il plugin di WP. Sperando che trasferisca anche le foto presenti in molti post, altrimenti non mi passa piu a trasferire 150 post e relative foto, uno per uno…Fila tutto o hai qualche consiglio da darmi per fare un lavoro migliore?Grazie mille.
Un consiglio…sto lavorando ad un ecommerce con joomla+virtuemart che gestira circa 300 prodotti. Se registro gratuitamente il dominio su siteground e domani voglio cambiare hosting, il dominio e’ di mia proprieta o devo pagarlo a siteground per poter spostarlo?



Google mobile ads sdk unity
Online video making kits
Powerpoint maker download


Comments to «Miglior hosting blog»

  1. UQONSHIK Says:
    Notifications region in order to offer access reluctant to stake their careers on this.
  2. V_I_P Says:
    New photo editing app and it's obtainable for free on the.