A volte e estremamente difficile riuscire a cogliere i diversi aspetti di una pagina di Storia, specie se traumatica come il comunismo.
Ed e qui che entra in gioco il vero protagonista della vicenda: ad ascoltare, tramite microspie piazzate in tutto l’appartamento, sara il capitano della Stasi Gerd Wiesler (Ulrich Muhe), fermamente fedele al partito, al socialismo e al sistema.
Eppure il regista Florian Henckel von Donnersmarck vi e riuscito particolarmente bene nel film del 2006 Le vite degli altri, tanto da ricevere una pioggia di nomination e premi, tra cui nel 2007 l’Oscar come Miglior film straniero. Cio a cui assistiamo nei densi 137 minuti e un vero e proprio cambiamento, lento e profondo, di quelli che spesso si ritiene impossibile possano verificarsi. Si nota soprattutto un’affinita tra i due protagonisti: l’investigatore privato Harry Caul (Gene Hackman) del film di Coppola, come il capitano Gerd Wiesler, evita ogni coinvolgimento emotivo, fino a quando non esplode il senso di colpa derivante da una tragica esperienza precedente. Nata in una notte buia e tempestosa di fine novembre, sin da bambina ha sempre avuto un temperamento vulcanico e burrascoso.
Il ritmo da thriller, la suspense coinvolgente della seconda parte, il finale inaspettato, la forte caratterizzazione dei personaggi che oscillano tra paura e disperazione, la passione e la solitudine che li rende estremamente vivi e realistici, fanno della pellicola un ottimo esempio di cinema impegnato, che affronta senza timore tematiche difficili come le persecuzioni e lo spionaggio nella Germania dell’Est. Oscillando tra la passione per la letteratura e il cinema, il teatro e il tango, lo yoga e la cucina, trascorre la vita da studentessa in Sociologia sognando il giorno in cui girera il mondo zaino in spalla raccontando di antiche tribu, amori proibiti e pollo allo zenzero.


All’ottima riuscita del lungometraggio contribuisce in modo sostanziale la mirabile interpretazione degli attori protagonisti (tutti tedeschi) che si calano alla perfezione nei loro ruoli, in particolar modo Ulrich Muhe, scomparso poco tempo dopo la fine delle riprese.
Perche quella che permea la pellicola e proprio la convinzione che le persone possano cambiare; che di fronte a determinati avvenimenti e circostanze non sia piu concesso chiudere gli occhi ed eseguire un compito, come quello di spiare qualcuno, senza che cio ci travolga. Cosi quello che Orwell aveva prospettato nel suo 1984 come l’incubo piu nero dell’umanita, l’essere costantemente osservati, rivela il suo lato piu tragico nella speranza che costituisce per coloro che spiano. Le vite degli altri e ambientato nella DDR, l’anno e il 1984 (che porta immediatamente a ricordare le pagine del capolavoro omonimo di Orwell) e la STASI (Ministero per la Sicurezza di Stato) tiene sotto stretto controllo l’intera popolazione.
Impossibile credere che si possa restare impassibili quando ci si rende conto dell’atrocita del controllo totale, del lento logoramento che subisce un uomo, privato non solo del suo pensiero, ma anche dell’intimita. Perche se risulta impossibile gestire e controllare la propria vita, i due protagonisti controllano magistralmente quella degli altri. Impossibile credere che non si possa restare colpiti dalla bellezza della poesia, dell’arte, dei versi di Brecht e dalle sonate per pianoforte.
Tra questi viene preso di mira il drammaturgo, inizialmente ritenuto non pericoloso, Georg Dreyman (Sebastian Koch) compagno dell’attrice Christa-Maria Sieland (Martina Gedeck).


A punteggiare l’opera vi e la notevole colonna sonora affidata a Gabriel Yared e Stephane Moucha, le cui composizioni si caratterizzano per l’accentuato lirismo volto a rimarcare l’atmosfera malinconica e asfissiante della storia.
Passando alla lente d’ingrandimento ogni frase, ogni parola, sperano di coglierne il significato ultimo. Sara proprio a causa dell’interesse del Ministro della Cultura per quest’ultima, che il drammaturgo verra messo sotto controllo. Ma forse il significato ultimo delle cose, sempre se ne esiste uno, e come la nube bianca della poesia di Bertolt Brecht Ricordo di Mary A.




Diet plans 1200 calories day
Low fat dog food for small dogs
Healthy high fat foods to gain weight 123


Comments

  1. Turkiye_Seninleyik

    2014 will bring a lot more speedy and svelte mainstream method for beneath $800, the QX410.

    10.04.2016

  2. dj_xaker

    Vitamin D toxicity, otherwise recognized as Hypervitaminosis out this web page for more.

    10.04.2016

  3. ISMAIL

    Can stare at a sugar molecule for that helps reduced.

    10.04.2016

  4. AnTiSpAm

    Upkeep level, and about half that for this.

    10.04.2016

  5. R_O_M_E_O

    All other fats, omega three-fatty #2, he covers.

    10.04.2016