Build a torggler door,how to build a tall pull out pantry cabinet,refrigerator door manufacturing process - PDF Review

23.12.2013
SITOL AQUATECH e una guaina impermeabilizzante pronta all’uso in emulsione acquosa a base di elastomeri stirolo-acrilici. SITOL AQUATECH e una ulteriore conferma del livello tecnologico raggiunto dalla Torggler anche nel settore dell’impermeabilizzazione.
SITOL AQUATECH, integrato nel progetto “T-Life Project” per l’edilizia responsabile, si pone quale nuovo punto di riferimento stabilendo nuovi valori e parametri tecnici di riferimento.
L’idrofobizzazione e la protezione della superficie dall’azione dell’acqua e un’esigenza comune di molti materiali di uso comune nel settore delle costruzioni come i laterizi, il calcestruzzo, le pietre e il legno. Questi materiali hanno in comune una spiccata affinita nei confronti dell’acqua, determinata dalla presenza nella loro struttura chimica di gruppi funzionali polari.
Gran parte dei meccanismi noti che sono in grado di danneggiare i materiali da costruzione sono legati alla presenza di umidita.
I materiali da costruzione presenta caratteristiche di grande affinita nei confronti dell’acqua, in conseguenza della sua natura chimico-fisica. La facilita di adsorbire acqua o, al contrario, l’idrorepellenza rientrano nei fenomeni di interazione fra due interfacce.
Una sostanza ha azione idrorepellente quando la sua struttura chimica non presenta gruppi funzionali polari in grado di interagire con l’acqua.
Esiste una particolare classe di sostanze chiamate tensioattivi (surfactants) i quali sono i grado di interagire contemporaneamente con due interfacce incompatibili come ad esempio una fase acquosa e una fase idrocarburica. Le formulazioni dei comuni detersivi sono appunto basate su sostanze tensioattive che riescono a rimuovere lo sporco e l’unto dai tessuti favorendo il loro passaggio alla fase acquosa in seguito all’abbassamento della tensione superficiale. I tensioattivi sono a loro volta divisi in tre grandi classi: anionici, cationici e non-ionici.
La tipologia piu idonea di tensioattivo da utilizzare viene generalmente stabilita in funzione delle proprieta chimico-fisiche delle materie prime utilizzate, e delle caratteristiche prestazionali delle formulazioni.
Un’importante misura empirica della tensione interfacciale fra due superfici e l’angolo di contatto fra un solido e un liquido: maggiore e l’angolo di contatto, minore e la bagnabilita. L’assorbimento di acqua in una struttura muraria determina una notevole diminuzione dell’isolamento termico. I meccanismi di azione degradante apportati dall’acqua possono essere schematicamente suddivisi in fisici e chimico-biologici. Il piu rilevante meccanismo fisico di degrado e la formazione del ghiaccio: quando la temperatura scende al di sotto di 0°C l’acqua presente all’interno dei pori delle pietre dei laterizi e delle malte congela con un aumento di volume pari a circa il 10%. Un secondo meccanismo fisico degradante di tipo fisico e il dilavamento nei confronti di sali solubili presenti in leganti aerei (calce e gesso).
Un altro meccanismo e legato alla presenza di sali idrosolubili all’interno delle costruzioni.
Nel caso poi di subflorescenza all’interno dell’interfaccia intonaco-muratura si puo instaurare una pressione che provoca distacco di intonaci o “scartellamento” di uno strato corticale di laterizi.
La risalita capillare dei sali e funzione di numerosi parametri fra cui l’altezza e la velocita di evaporazione. I meccanismi di degrado biologico coinvolgono la formazione di alghe, licheni e funghi, favorita dalla presenza di elevati livelli di umidita, assumendo colorazioni dal verdastro al bruno. Nelle strutture in cemento armato la penetrazione dei cloruri puo essere altrettanto deleteria per due diversi meccanismi: la corrosione delle armature d’acciaio per fenomeno di ossidoriduzione e la formazione di cloruro di calcio idrato solubile che indebolisce il calcestruzzo. Il potere idrorepellente associato ad un elevato potere traspirante per i vapore acqueo e uno dei fattori di maggiore rilevanza. In conformita agli standard internazionali (ad esempio la norma DIN 52615) i prodotti chimici adibiti al trattamenti dell’edilizia civile e monumentale devono rispondere ad alcune prerogative. I polimeri siliconici hanno una elevata idrorepellenza ma non sono facilmente impiegabili con successo per questo tipo di applicazione.
I silani sono costituiti da una struttura chimica di base piuttosto simile alle resine siliconiche. Le molecole di silani presentano carattere idrofilo e al tempo stesso idrofobizzante in quanto contengono componenti non polari e polari.


In questa classe di silani l’atomo centrale di silicio, legato inizialmente a gruppi alcolici primari idrolizza in acqua dando origine ad un alchil-silanolo, altamente reattivo con le superfici reattive dei materiali edili.
Si tratta di composti tipo silice alchilata che uniscono alle proprieta idrorepellenti la reattivita tipica di un silicato inorganico.
La superficie di gruppi alchilici legati chimicamente rendono irreversibilmente idrorepellente anche il substrato cosicche viene anche invertita l’azione capillare dei materiali da costruzione, tipicamente porosi, senza peraltro compromettere del tutto la traspirabilita ai gas (cosa che avverrebbe nel caso di protezioni fisiche mediante film plastici). Il gruppo alchilico determina il grado di impermeabilizzazione e quindi la resistenza del materiale alla degradazione chimica dovuta agli acidi e alle sostanze alcaline azotate derivate dal metabolismo di funghi e muffe.
I composti silanici possono essere applicati tal quali o piu spesso in formulazioni al solvente o all’acqua. Lo stato attuale della tecnologia, in conformita con le normative europee vigenti in tema di riduzione dei VOC (composti organici volatili) consente l’utilizzo di ottimi sistemi a base acqua (emulsionabili o diluibili).
La diluibilita in acqua della matrice silanica puo essere promossa mediante la combinazione chimico-meccanica con opportuni agenti emulsionanti, oppure mediante la costruzione di composti polimerici di addizione solubili ma non idrofili. A seconda dei casi e delle singole soluzioni applicative si utilizzano anche silani funzionalizzati con gruppi epossidici o amminici.
In linea di principio l’azione dei silani reattivi e rapida e si esplica di piu in superficie. Una delle proprieta piu rilevanti del meccanismo di azione di questa classe di prodotti e la capacita di penetrare nel supporto assicurando al tempo stesso protezione dagli agenti esterni (acqua e sali) e traspirabilita al passaggio del vapore acqueo dall’interno all’esterno. L’applicazione di film polimerici protettivi (di solito vernici a base epossidica, poliureatica o butadienica) e ben nota e largamente diffusa. E’ altresi nota l’efficacia e l’utilita dell’utilizzo combinato di polimeri a base acrilica (ad esempio il polibutilacrilato), superfluidificanti e fumo di silice in calcestruzzi cementiti di elevata qualita e performance.
Accanto a questi componenti oggi comunemente utilizzati nei prodotti impregnanti, sono di grande interesse e si stanno studiando nuovi sistemi impregnanti basati su composti chimici perfluorurati (cere e polimeri caratterizzati chimicamente dal legame C-F) i quali, grazie alla loro eccezionale stabilita chimica e resistenza agli agenti del degrado, potranno consentire di migliorare notevolmente le prestazioni delle protezioni impregnanti sopratutto di quelle destinate all’esterno. La chimica organica del fluoro e relativamente recente e solo pochissime multinazionali sono in grado di gestirne il complesso e oneroso sviluppo industriale. La struttura fluorocarbonica e praticamente repellente e inattaccabile da tutti gli agenti chimici.
I piu recenti sviluppi hanno inoltre portato ai cosiddetti fluorosilani, sostanze solubili che uniscono le performances di reattivita idrofobizzante dei silani alla stabilita idro- e oleorepellente dei derivati fluorocarbonici. Una delle prerogative piu interessanti di queste sostanze fluorurate e una singolare efficacia protettiva come antigraffiti, ovvero la capacita di rendere una superficie muraria difficilmente trattabile da vernici e agenti pigmentanti.
Il meccanismo della protezione si esplica nella capacita dell’additivo fluoro-silanico di agire da idro-repellente e al tempo stesso da oleorepellente.
L’utilita di questo tipo di trattamenti e particolarmente importante nel caso di strutture edili dall’elevato valore storico, artistico e turistico. ABET LAMINATIAF SYSTEMSAFON CASAAGC FLAT GLASS ITALIAALBE CASEALUBELAMBROTECNO ITALIAAMONNANTRAX ITATLAS CONCORDEAZICHEMBASFBENTLEY SYSTEMS ITALIABERTOLOTTO PORTEBETONROSSIBIhomeBIOISOTHERMBOSSONGBRIANZA PLASTICABTICINOCADACADEMYCANONCASALGRANDE PADANACAVE RIUNITECEMBRITCERAMICHE CAESARCHAFFOTEAUXCOMES GROUPCONSORZIO ICF ITALIACR SOFTCS-GROUP DE FAVERIDERBIGUMDI.BI.
Asciugando si trasforma in una membrana elastica ed impermeabile ideale per terrazzi e tetti piani, gronde, cornicioni e camini, coperture, muri di fondazione, facciate e ambienti umidi (bagni) con successivo rivestimento ceramico. Ottimizza i valori prestazionali del prodotto e il lavoro del posatore, migliorandone la qualita di vita. Attraverso i sistemi capillari dei diversi materiali l’acqua migra all’interno di essi trasportando altre sostanze dannose.
Gli interventi tendenti ad eliminare l’umidita e l’acqua sono quindi gli unici efficaci per la protezione dei materiali e delle strutture. Esiste un’ampia varieta di prodotti tensioattivi, tutti possiedono una parte idrofila polare e una parte idrofoba non polare. Il fenomeno di gelo e disgelo si ripete ciclicamente portando a sollecitazioni che portano a delaminazioni del materiale. La migrazione dell’acqua causata da gradienti dalle zone interne piu umide alle zone esterne. Particolarmente negativo e la migrazione dello ione solfato che reagendo con alluminati e silicati forma nelle malte di calce idraulica composti potenzialmente distruttivi come l’ettringite e la thaumasite.


Le tradizionali resine siliconiche sono in base solvente e aderiscono con difficolta al supporto.
La piccola grandezza molecolare (50 – 100 nm) e l’elevata stabilita chimica li rende efficaci e versatili per i trattamenti idrorepellenti protettivi delle strutture edili.
Il gruppo organico alchilico non polare e il responsabile dell’azione idrorepellente dei silani usati per la protezione di edifici.
Le forze capillari agiscono contro la penetrazione dell’acqua anche se questa e sotto pressione.
La rilevanza di queste tecnologie consiste nel costruire strutture molecolari in grado di essere diluite senza perdere efficacia idrofobizzante ne potere traspirante nel tempo. La reattivita di questi gruppi consente particolari effetti dal punto di vista chimico con il substrato. La loro applicazione e di solito utile in combinazione con gli alchilalcossi silani che garantiscono maggiore penetrazione nel substrato. Tali trattamenti presentano dei limiti legati alla difficolta di ottenere buoni ancoraggi e sufficiente curabilita nel tempo. In questo contesto l’utilizzo di alchilalcossisilani idrofobizzanti ha un reale effetto sinergico protettivo e idrofobizzante nel tempo. Questo spiccato effetto repulsivo impedisce alle vernici pigmentanti all’acqua o al solvente non possono penetrare all’interno dei pori del substrato, perdono ogni potere di aggrappaggio e possono essere subito totalmente e facilmente rimosse.
Ottima anche per l’impermeabilizzazione di vecchi manti bituminosi (previo utilizzo dell’apposito PRIMERAQUATECH). In termini pratici, cio si traduce nella solubilita liquido-liquido o liquido-gas, nella permeabilita gas-solido o nella bagnabilita liquido-solido.
In questo modo i tensioattivi sono in grado, nelle opportune condizioni, di emulsionare l’olio in acqua o viceversa, oppure di favorire la distribuzione di una sostanza non polare su una superficie fortemente polare come quella della cellulosa.
Questa migrazione trascina con se sali solubili specialmente solfati che si depositano sulle superfici esterne come efflorescenze spesso resistenti all’azione meccanica di asportazione.
L’ettringite presenta una struttura microcristallina altamente idratata che in conseguenza del loro aumento di volume creano tensioni distruttive con la matrice legante. Il fattore m indica la resistenza alla diffusione del vapore acqueo in rapporto ala diffusione dell’aria. Inoltre il loro elevato peso molecolare impedisce una adeguata penetrazione all’interno della struttura capillare dei materiali edili. Dalle dimensioni e dalla natura di questo gruppo (di solito con un numero di atomi di carbonio compreso fra 3 e 8) dipendono l’efficacia, la durata e la stabilita del trattamento. Questo meccanismo di azione e influenzato da molteplici fattori chimici e fisici interni ed esterni. Inoltre la presenza sulla superficie esterna di un film polimerico reticolato impedisce quasi del tutto la permeabilita al vapore acqueo all’interfaccia gas-solido e puo provocare problemi seri di accumulo di umidita causata dalla capillarita ascendente. Successive evoluzioni ed affinamenti hanno portato a produrre composti polimerici fluorurati sui base polimerica (generalmente acrilica o acrlico-maleica) in grado di autoemulsionarsi in mezzi acquosi. La thaumasite non presenta sensibile aumento di volume ma riduce fortemente la consistenza meccanica della struttura legante.
Piu alto e il m minore risulta il potere traspirante di un trattamento, a parita di spessore del supporto murario. Limitatamente alla struttura chimica silanica, il gruppo alcossilico determina la velocita alla quale avviene l’idrolisi e la compatibilita del materiale con il substrato minerale umido, influendo sulla penetrazione in sezione e sulla velocita di aggancio.



Woodworking folding table plans metric
Diy bistro table plans 02


Comments to “Build a torggler door”

  1. ADMIRAL writes:
    Device to be able to work out what they wished.
  2. Sex_manyak writes:
    This ebook is that each one the size are.
  3. Immortals writes:
    Patterns Woodworking courses - the unplugged will.
  4. noqte writes:
    Plus complicated - and to be desired - initiatives, normally run.
  5. K_E_N_Z_O writes:
    Attempt their hand at woodworking even utilizing comparatively low-tech.